VENTUNO VENTUNO VENTUNO

Leggere Gramsci a cento anni dalla nascita del Partito Comunista  

In occasione del centenario della nascita del Partito Comunista d’Italia Archivio Zeta ha deciso di riflettere  su questo avvenimento fondamentale della storia politico-culturale italiana del Novecento  realizzando, in collaborazione con la Fondazione Gramsci Emilia-Romagna, un video  costituito da letture, documenti d’archivio e articoli originali. Abbiamo scelto, insieme a Luca Baldissara e a Siriana Suprani, di concentrarci sulla scrittura gramsciana che è uno  scintillare improvviso…un processo molecolare, minutissimo, di analisi estrema, capillare: abbiamo scelto  e letto a voce alta otto editoriali straordinari di Antonio Gramsci scritti tra il 1917 e il 1921 per Il Grido del popolo, L’Ordine Nuovo e L’Avanti!, un brano del 1932 tratto dai Quaderni del carcere e l’emozionante descrizione di Umberto Terracini del I Congresso presso il fatiscente Teatro San Marco di Livorno.  

La massa di parole è un fiume in piena di idee, pensieri, lampi: dalle riflessioni filosofiche e  poetiche sulla maschera e il volto, alle parole d’ordine per l’azione rivoluzionaria, dalle 21 tesi  della III Internazionale al sarcasmo sull’irresponsabilità dei comunisti, dall’attesa per il 21  gennaio 1921 al Teatro Goldoni di Livorno alle conseguenze politiche e umane.  

Dal corpo a corpo con la scrittura di Gramsci emergono la drammaticità della frattura tra i  due partiti, la concitazione del dibattito politico, l’intensità delle emozioni, la complessità  della situazione nazionale con il fascismo e la sua violenza dilagante.  

Non si tratta di un materiale didascalico sul Congresso di Livorno del 1921 ma di una  immersione esclusiva/ossessiva negli articoli che per linguaggio, ritmo e tono esprimono la  lucidità del pensiero e la capacità di analisi di Gramsci.  

Il video è stato girato interamente negli spazi della Fondazione Gramsci di Bologna.  I testi che costituiscono la drammaturgia sono tratti da:  

- Il Grido del Popolo, 24 novembre 1917 
- L’Ordine Nuovo, 24-31 gennaio 1920, I, n.35. Sotto la rubrica La settimana politica, Primo:  rinnovare il Partito
- L’Ordine Nuovo, 13 gennaio 1921, Il Congresso di Livorno 
- Rinascita, 23 gennaio 1965, Il 21 gennaio 1921 comincia la lunga giornata senza crepuscolo  di Umberto Terracini 
- L’Ordine Nuovo, 5 marzo 1921, Sindacati e consigli 
- L’Ordine Nuovo, 2 marzo 1921, La parola d’ordine 
- L’Ordine Nuovo, 17 luglio 1921, Il carnefice e la vittima 
- L’Ordine Nuovo, 23 luglio 1921, Insurrezione di popolo 
- Avanti! Anno XXI, n 14, 14 gennaio 1917, cronache torinesi nella rubrica Sotto la Mole, La  Maschera e il volto 
- Quaderno 8 (XXVIII)  

Questo è l’inizio di un percorso che nell’arco del 2021 ci porterà ad approfondire le opere di Gramsci scritte in carcere.  

Organizzatore