copertina di I sognalibro
Gruppo di lettura

I sognalibro

Contatti

Biblioteca Cesare Pavese, via Porrettana, 360 Casalecchio di Reno, Casalecchio di Reno

biblioteca@comune.casalecchio.bo.it

Sito web

I Sognalibro della Biblioteca C. Pavese è aperto a tutte le persone interessate alla lettura di un buon libro e a un reciproco scambio di opinioni e commenti.

Il GdL I Sognalibro si riunisce indicativamente una volta al mese - alle h. 17.30 alternativamente di martedì in Piazza delle Culture e di giovedì allo Spazio La Virgola.
A ogni incontro si stabilisce insieme il libro di cui parlare il mese successivo, alternando novità editoriali e libri di successo già pubblicati. Non è necessaria alcuna prenotazione, basta presentarsi ad uno degli appuntamenti. 

Chi volesse aggiungersi al gruppo, deve inviare un'email a Cinzia Bergamini: cbergamini@comune.casalecchio.bo.it
In questo modo si verrà aggiunti nell'indirizzario e invitati agli incontri.

Prossimi incontri


Tutti gli aggiornamenti, modalità di partecipazione e riferimenti sulla pagina della biblioteca

Sta leggendo
Il treno dei bambini

di Viola Ardone

copertina di Il treno dei bambini
Dove trovo questo libro a Bologna?
Altri libri letti
  • Paradiso e inferno di Jón Kalman Stefánsson
  • Persone normali di Sally Rooney
  • Il museo dell'innocenza di Orhan Pamuk
  • Le affinità elettive di Wolfgang Goethe
  • A ciascuno il suo di Leonardo Sciascia
  • Io non mi chiamo Miriam di Majgull Axelsson
  • Gilead di Marilynne Robinson
  • Il filo del rasoio di W. Somerset Maugham
  • Tre piani di Eshkol Nevo
  • Quel che resta del giorno di Kazuo Ishiguro
  • La collina del vento di Carmine Abate
  • Il vecchio che leggeva romanzi d'amore di Luis Sepulveda
  • Ogni cosa è illuminata di Jonathan Safran Foer
  • Il racconto dell'ancella di Margaret Atwood
  • L’isola sotto il mare di Isabel Allende
  • Ogni mattina a Jenin di Susan Abulhawa
  • Ali di babbo di Milena Agus
  • Febbre di Jonathan Bazzi
Abstract

È il 1946 quando Amerigo lascia il suo rione di Napoli e sale su un treno. Assieme a migliaia di altri bambini meridionali attraverserà l'intera penisola e trascorrerà alcuni mesi in una famiglia del Nord; un'iniziativa del Partito comunista per strappare i piccoli alla miseria dopo l'ultimo conflitto. Con lo stupore dei suoi sette anni e il piglio furbo di un bambino dei vicoli, Amerigo ci mostra un'Italia che si rialza dalla guerra come se la vedessimo per la prima volta. E ci affida la storia commovente di una separazione. Quel dolore originario cui non ci si può sottrarre, perché non c'è altro modo per crescere.