copertina di I sognalibro
Gruppo di lettura

I sognalibro

Contatti

Biblioteca Cesare Pavese, via Porrettana, 360 Casalecchio di Reno, Casalecchio di Reno

biblioteca@comune.casalecchio.bo.it

Sito web

I Sognalibro della Biblioteca C. Pavese è aperto a tutte le persone interessate alla lettura di un buon libro e a un reciproco scambio di opinioni e commenti.

Il GdL I Sognalibro si riunisce indicativamente una volta al mese - alle h. 17.30 alternativamente di martedì in Piazza delle Culture e di giovedì allo Spazio La Virgola.
A ogni incontro si stabilisce insieme il libro di cui parlare il mese successivo, alternando novità editoriali e libri di successo già pubblicati. Non è necessaria alcuna prenotazione, basta presentarsi ad uno degli appuntamenti. 

Per partecipare, scrivere a cbergamini@comune.casalecchio.bo.it

Prossimi incontri

  • 20 settembre per parlare di Fiore di roccia di Ilaria Tuti

    Date da definire: 

    Ottobre "Trilogia della città di K" di Agota Kristof

    Novembre "La signora Dalloway" di Virginia Woolf

    Dicembre "E poi saremo salvi" di Alessandra Carati

Tutti gli aggiornamenti, modalità di partecipazione e riferimenti sulla pagina della biblioteca

Sta leggendo
Fiore di roccia

di Ilaria Tuti

Dove trovo questo libro a Bologna?
Altri libri letti
  • Il treno dei bambini di Viola Ardone
  • Paradiso e inferno di Jón Kalman Stefánsson
  • Persone normali di Sally Rooney
  • Il museo dell'innocenza di Orhan Pamuk
  • Le affinità elettive di Wolfgang Goethe
  • A ciascuno il suo di Leonardo Sciascia
  • Io non mi chiamo Miriam di Majgull Axelsson
  • Gilead di Marilynne Robinson
  • Il filo del rasoio di W. Somerset Maugham
  • Tre piani di Eshkol Nevo
  • Quel che resta del giorno di Kazuo Ishiguro
  • La collina del vento di Carmine Abate
  • Il vecchio che leggeva romanzi d'amore di Luis Sepulveda
  • Ogni cosa è illuminata di Jonathan Safran Foer
  • Il racconto dell'ancella di Margaret Atwood
  • L’isola sotto il mare di Isabel Allende
  • Ogni mattina a Jenin di Susan Abulhawa
  • Ali di babbo di Milena Agus
  • Febbre di Jonathan Bazzi
Abstract

"Quelli che riecheggiano lassù, fra le cime, non sono tuoni. Il fragore delle bombe austriache scuote anche chi è rimasto nei villaggi, mille metri più in basso. Restiamo soltanto noi donne, ed è a noi che il comando militare italiano chiede aiuto: alle nostre schiene, alle nostre gambe, alla nostra conoscenza di quelle vette e dei segreti per risalirle. Dobbiamo andare, altrimenti quei poveri ragazzi moriranno anche di fame. Questa guerra mi ha tolto tutto, lasciandomi solo la paura. Mi ha tolto il tempo di prendermi cura di mio padre malato, il tempo di leggere i libri che riempiono la mia casa. Mi ha tolto il futuro, soffocandomi in un presente di povertà e terrore. Ma lassù hanno bisogno di me, di noi, e noi rispondiamo alla chiamata. Alcune sono ancora bambine, altre già anziane, ma insieme, ogni mattina, corriamo ai magazzini militari a valle"