logo Patto per la lettura
copertina di GdL Borges
Gruppo di lettura

GdL Borges

Contatti Biblioteca J.L. Borges, via dello Scalo 21/2, Bologna biblioteca.borges@comune.bologna.it Sito web

Il Gruppo di lettura Borges è uno spazio di condivisione per lettori/lettrici aperto a chiunque voglia partecipare.

Attivo dal 2014, si riunisce una volta al mese in presenza.

Prossimo incontro
sabato 28 gennaio h.10,30 per parlare di La fortuna di Valeria Parrella, Feltrinelli.

Tutte le informazioni sul sito della biblioteca.

 

Sta leggendo
La Fortuna di Valeria Parrella
copertina di La Fortuna
Dove trovo questo libro a Bologna?
Altri libri letti
  • La treccia di Laetitia Colombani
  • La casa dei Krull di Georges Simenon
  • Il ponte sulla Drina di Ivo Andric
  • Luce d'estate, ed è subito notte di Jón Kalman Stefánsson
  • I piccoli maestri di Luigi Meneghello
  • Lessico famigliare di Natalia Ginzburg
  • Bel Ami di Guy De Maupassant
  • Tra donne sole di Cesare Pavese
  • Figlie di una nuova era di Carmen Korn
  • La signora trasformata in volpe di David Garnett
  • Il diario di Jane Somers di Doris Lessing
  • La marcia di Radetzky di Joseph Roth
  • La donna giusta di Sandor Marai
  • Euridice aveva un cane di Michele Mari
  • La vita gioca con me di David Grossman
  • Dolores Claiborne di Stephen King
  • L'isola di Arturo di Elsa Morante
  • L'inverno del nostro scontento di John Steinbeck
  • Il pittore di insegne di R. K. Narayan
  • Ho servito il Re d'Inghilterra di Bohumil Hrabal,
  • Il generale dell'armata morta di Ismail Kadaré
  • La tentazione di essere felici di Lorenzo Marone
  • Tempi difficili di Jorge Amado
  • Vicolo del mortaio di Nagib Mahfuz
  • Non lasciarmi di Kazuo Ishiguro
  • La resa dei conti di Saul Bellow
  • La ragazza dai capelli strani di David Foster Wallace
  • Il gringo vecchio di Carlos Fuentes
  • Le braci di Sándor Márai,
  • Pedro Paramo di Juan Rulfo
  • La prima moglie e altre cianfrusaglie di Arto Paasilinna
  • l bacio della donna ragno di Manuel Puig
  • Canto della pianura di Kent Haruf
  • Tre sentieri per il lago di Ingeborg Bachmann
Abstract

 Il prodigio viene dalla terra, e scuote aria e acqua. Dal cielo piovono pietre incandescenti e cenere, il mare è denso e la costa sembra viva, ogni mappa disegnata è stravolta, i punti di riferimento smarriti. Lucio ha solo diciassette anni e ha seguito l'ammiraglia di Plinio il Vecchio nel giorno dell'eruzione del Vesuvio, ma non può sospettare che il monte che conosce da sempre sia un vulcano. Per quel prodigio mancano le parole, non esiste memoria né storia a rassicurare. Nascosta dalla coltre rovente c'è Pompei, la città che ha visto nascere Lucio e i suoi sogni, dove ancora vivono sua madre, la balia, gli amici d'infanzia, dove ha imparato tutto ciò che gli serve, adesso, per far parte della flotta imperiale a dispetto del suo occhio cieco - anzi, proprio grazie a quello, che gli permette di vedere più degli altri, perché "un limite è un limite solo se uno lo sente come un limite, sennò non è niente". E mentre Lucio tiene in mano, per quanto la Fortuna può concedere, il filo del suo destino, ecco che Pompei torna a lui presente e più che mai viva, nel momento in cui sembra persa per sempre, attraverso i giochi con le tessere dei mosaici, i pomeriggi trascorsi nei giardini o nelle palestre, le terme, il mercato, i tuffi in mare e le gite in campagna, le scorribande alla foce del fiume. La sua intera giovinezza gli corre incontro irrimediabilmente perduta, eppure - noi lo sappiamo - in qualche modo destinata a sopravvivere. Insieme a Lucio, una folla di personaggi, mercanti, banchieri, matrone, imperatori, schiavi, prostitute e divinità, si muove tra le pagine di un romanzo sorprendentemente attuale, in cui niente è già visto: piuttosto ciò che conoscevamo del mondo classico ci appare in un aspetto nuovo, moder

Tutti i Gruppi di Lettura