copertina
Gruppo di lettura

Koala

Contatti

Due biblioteche, a rotazione, Bologna

bibliotecacasakhaoula@comune.bologna.it

sito web

Koala è il GdL delle biblioteche Corticella-Luigi Fabbri e Casa di Khaoula.

 

Si ritrova nelle due biblioteche, a rotazione.
I e le partecipanti leggono lo stesso libro e successivamente si incontrano per discuterne.

Prossimo appuntamento

  • 18 maggio h. 17 presso la biblioteca Casa di Khaoula, via di Corticella n. 104 

per parlare di Le circostanze di Amanda Craig (Astoria)

Biblioteca Corticella-Luigi Fabbri  051/2195530 - email
Biblioteca Casa di Khaoula  051/6312721 - email

Per maggiori  informazioni contattare i riferimenti sul sito

Sta leggendo
L'estate fredda

di Gianrico Carofiglio

copertina di L'estate fredda
Dove trovo questo libro a Bologna?
Altri libri letti
  • Un libro a scelta di autori e autrici var*
  • Lila di Marilynne Robinson
  • Il potere del cane di Thomas Savage
  • La taverna del Doge Loredan di Alberto Ongaro
  • La mia famiglia e altri animali di Gerald Durrell
  • Le rane di Mo Yan
  • Stella del mattino di Wu Ming 4
  • Soli e perduti di Eshkol Nevo
  • La discipilina di Penelope di Gianrico Carofiglio
  • Resto qui di Marco Balzano
  • Tre piani di Nevo, Eshkol
  • Il treno dei bambini di Viola Ardone
  • La nuova stagione di Silvia Ballestra
  • Le circostanze di Amanda Craig
Abstract

iamo nel 1992, tra maggio e luglio. A Bari, come altrove, sono giorni di fuoco, fra agguati, uccisioni, casi di lupara bianca. Quando arriva la notizia che un bambino, figlio di un capo clan, è stato rapito, il maresciallo Pietro Fenoglio capisce che il punto di non ritorno è stato raggiunto. Adesso potrebbe accadere qualsiasi cosa. Poi, inaspettatamente, il giovane boss che ha scatenato la guerra, e che tutti sospettano del sequestro, decide di collaborare con la giustizia. Nella lunga confessione davanti al magistrato, l'uomo ripercorre la propria avventura criminale in un racconto ipnotico animato da una forza viva e diabolica; da quella potenza letteraria che Gadda attribuiva alla lingua dei verbali.