Giorgina Pi

Voci dal verbo LEGGERE | qualche domanda su libri e letture a Giorgina Pi in occasione dello spettacolo GUIDA IMMAGINARIA a Ateliersi e TIRESIAS di K. Tempest al TPO.

Che ruolo hanno libri e lettura per te, qual è il tuo rapporto con la parola scritta e le immagini e con l’oggetto libro/pubblicazione? 
Hanno un ruolo imprescindibile. Prendere un libro tra le mani è tra le prime cose che faccio quando mi sveglio. Leggere è per me come meditare. Un ritorno a me stessa. E  poi i libri, il contatto con loro è un piacere fisico, un motore di erotismo pari al piacere che offrono di incontrare con ciò che non si conosce o di tornare dove si è già state. Di questo piacere si può fruire negli orari e nei luoghi che si vuole, in solitudini abitate da incontri infiniti. I libri sono comunità inventate e multiformi.

Quali sono i testi significativi nella tua formazione?
Menzogna e Sortilegio di Elsa Morante, le tragedie greche, il femminismo tutto e in particolare Soggetto Nomade di Rosi Braidotti, Carla Lonzi tutta, e l’universo Hélène Cixous… e la poesia che leggo da sempre e per sempre senza sosta.

Biblioteche, archivi, librerie, rete: dove cerchi parole e immagini, volumi e riviste, fumetti utili per le tue ricerche? 
In tutti questi luoghi, se possibile in varie città, e nelle conversazioni con chi ha tanto da insegnarmi. Quelle che chiamo le bibliografie viventi

Lettura come stimolo, approfondimento, per documentarsi, per distrarsi…? Tu come la pratichi?
Per respirare.

Quali sono le letture che hanno contribuito al tuo percorso artistico? Quali libri, riviste, fanzine, fumetti si accumulano sul tuo tavolo di lavoro? 
Amo molto Jung e qui in particolare io e Gabriele abbiamo lavorato a partire da Jung e Kerényi Prolegomeni allo studio scientifico della mitologia insieme a iI sogno e il mondo infero” di Hillman. C’è stato di aiuto Mircea Eliade e insieme Walter Burkert. Indispensabile I greci e l’irrazionale di Dodds. Jacques Lacarrière altra guida per noi e poi Donna Haraway, Le fantasticherie della donna selvaggia di Cixous, gli scritti sull’arte di Lonzi, Martha Nussbaum e scritti sparsi, oltre a consigli indispensabili di Massimo Fusillo.

Tieni dei libri, fumetti, riviste in casa? Se si, ci racconti brevemente come è o non è organizzata la tua libreria?
Ci sono romanzi, molti libri di filosofia, tanti testi teatrali e testi critici. Molti libri sull’inconscio, femminismo e poete ovunque. C’è Internazionale, c’è Leggendaria, Dinamo Press e tanti copioni… 

Hai dei consigli di lettura da suggerire? 
Era una nuvola, una versione dell'Elena di Euripide di Anne Carson, Crocetti, 2021


Il 28 ottobre, Giorgina Pi porta in scena a Ateliersi lo spettacolo BLUEMOTION / Guida immaginaria un perturbante viaggio sonoro alle radici dell'immaginario classico. Lo spettacolo – nato in residenza all’Atelier Sì – è un percorso visionario all’interno dello straordinario Museo dell’Acropoli di Atene, al buio, muniti di cuffie per l’ascolto, torce e piccoli cataloghi. Domenica 31 ottobre h 19 andrà in scena con TIRESIAS di K. Tempest regia di Giorgina Pi al TPO.
​Nella foto: il tavolo di lavoro di Giorgina Pi a Atene. Cortesy l’artista. 

Giorgina Pi è un'artista nata e cresciuta a Roma. Regista, attivista, videomaker, femminista, fa parte del collettivo artistico Angelo Mai - spazio indipendente per le arti di Roma. La sua ricerca tra teatro, immagini e musica si divide tra la pratica artistica e il dottorato di ricerca in Letterature Comparate tra l’Università de L’Aquila e quella di Paris 8. Con il gruppo Bluemotion realizza spettacoli e immagina ambientazioni, in una ricerca che coniuga arti della scena, ricerca visuale e musica dal vivo. Ha lavorato approfonditamente sui testi della drammaturga inglese Caryl Churchill e ha fatto conoscere alla scena italiana Kae Tempest con gli spettacoli Wasted (2019) e Tiresias (2020).


Puoi trovare libri/riviste/letture segnalate da Giorgina Pi disponibili al prestito presso le biblioteche di Bologna, al prestito digitale su EmiLib/MedialibraryOnline e in vendita nelle librerie.

GiorginaPi_ ok.jpg