Sebben che siamo donne, paura non abbiamo

un nuovo corso online con Nader Ghazvinizadeh e l’Università Primo Levi.

Dove

online

Uno sguardo il più possibile ampio sui movimenti di liberazione della donna dell'ultimo secolo: dalle studentesse iraniane di oggi, che manifestano contro le restrizioni islamiche, alle mondine della Bassa bolognese, che si ribellarono ai fascisti con i loro scioperi. Da Alaa Salah, paladina delle proteste anti governative in Sudan, fino alle madri bolognesi fuori dalla sede del Comune, che chiedevano l'apertura degli asili nido. Bologna e l'Italia sono state un laboratorio di alto livello del femminismo, nel secolo passato. Ora, con la giusta distanza di tempo, si possono rivivere quegli anni.

Modalità di lezione: online su Jitsi

Venerdì 18:00 / 20:00 | 4 incontri
Sede | CORSO ONLINE 
Contributo | € 50