copertina di Una bookstation a inosservanza

Una bookstation a inosservanza

Patto di Collaborazione con l’associazione Equi-libristi per realizzare una bookstation nel parco di Villa Aldini durante i mesi di inosservanza

Nell’ambito del Patto per la lettura di Bologna è stato sottoscritto un patto di collaborazione  con l’associazione Equi-Libristi per realizzare una bookstation nel parco di Villa Aldini. 

L’associazione Equi-libristi ha aderito fin dai primi mesi al Patto per la Lettura, con cui sono state avviate diverse attività, alcune confluite in patti di collaborazione. Tra gli obiettivi dell’associazione, quelli di recuperare e rimettere in circolazione libri che, per i motivi più vari sarebbero destinati al macero.

Libri recuperati da case editrici, librerie, biblioteche, cittadini e cittadine, rimessi in circolo alllo scopo di diffondere l'interesse per la lettura, la scrittura, il riciclo, del recupero. 

inosservanza è il progetto di residenza artistica e rigenerazione urbana di Archivio Zeta, che interpreta la sfida di occupare e rigenerare attraverso la cultura uno dei luoghi più belli e simbolici della prima collina bolognese, rendendo nuovamente accessibile alla comunità un bene storico e artistico di grande valore, in un’area messa recentemente in sicurezza. Tra Le attività in programma, letture, incontri, spettacoli, laboratori, presentazioni di libri e tanto altro. 

inosservanza è anche un meraviglioso luogo per leggere, sulle sdraio a righe rosse e bianche che si affacciano sulla città. Fin dall'avvio della rassegna, si è pensato alla possibilità di avere qualche libro a disposizione per chi, giunto alla villa, voleva cogliere l’occasione per leggere. L’associazione Equi-libristi - che ha aderito fin dai primi mesi al Patto per la Lettura di Bologna - ha tra i suoi obiettivi recuperare e rimettere in circolazione libri che, per i motivi più vari sarebbero destinati al macero. L’incontro tra Equi-libristi e Archivio Zeta ha innescato una sintonia di intenti e portato alla realizzazione di una Bookstation a Villa Aldini.

La bookstation è stata costruita dall’associazione Equi-libristi direttamente a Villa Aldini, utilizzando materiali di recupero trovati nella villa, nella logica del riuso e in un immaginario continuum temporale, che porta anche gli oggetti scartati, a rivivere insieme ai libri recuperati, messi a disposizione di tutti. La libreria è installata in un luogo protetto del parco, sotto un’arcata della Villa e rimarrà a disposizione per tutta la durata di inosservanza per chiunque vorrà prelevare i libri, come le Bookstation che l’associazione Equi-libristi gestisce in diversi luoghi della città.

La bookstation potrà contenere 30-40 libri provenienti dalla Equi-libreria la libreria degli Equi-libristi di Via Curiel a Bologna. Non si tratta di un punto di scambio libri/bookcrossing, ma di un punto di prelievo gratuito. I libri sono a disposizione di tutt*: sono lì per essere presi, letti, regalati, non necessariamente riportati. 

Tra i primi titoli, Kitchen di Banana Yoshimoto (Feltrinelli), L’ospite celeste di Nico Orego (Einaudi), un grande classico come Il richiamo della foresta di Jack London (Mondadori), l’immancabile Andrea Camilleri con Le ali della sfinge (Sellerio), Il Principe di Niccolò Macchiavelli e tanti altri. I libri possono essere presi durante l’orario d’apertura di inosservanza. 



Collegamenti
contenuto inserito il 1 giu 2022