Il gruppo di lettura GdL sulla letteratura turca
Presso
Biblioteca Amilcar Cabral, via San Mamolo 24
Contatti

Biblioteca Amilcar Cabral, via San Mamolo 24, 40136 Bologna

amicabr@comune.bologna.it

sito web

Conosci il gruppo

Per chi è interessato a conoscere, approfondire, confrontarsi con i grandi romanzi della letteratura turca. Conducono il gruppo Maria Chiara Cantelmo e Emanuela Pergolizzi.
L’iniziativa è nata dalla collaborazione tra Associazione Hayat e Biblioteca Amilcar Cabral

Prossimo incontro

appuntamento online per parlare di La casa di Leyla dZulfu Livaneli (Altano, 2020)

Modalità di partecipazione; tutti gli aggiornamenti e i riferimenti sulla pagina della biblioteca

Sta leggendoLa casa di Leyla
Scritto daZülfü Livaneli
Pubblicato nel2021 Da Altano
Leyla.jpg

Dove trovo questo libro a Bologna?

Abstract

Leyla, un'anziana signora molto raffinata ed ultima discendente di un'antica famiglia ottomana, è costretta a lasciare la casa di famiglia quando questa viene venduta dalla banca a un ricco magnate e alla sua ambiziosa moglie. Il figlio dell'ex giardiniere della villa, Yusuf, accoglie Leyla nella sua casa di Cihangir, vivace quartiere nel lato Europeo di Istanbul, e cerca di aiutarla a recuperare la proprietà della casa da cui è stata ingiustamente sfrattata. Lì Leyla vede per la prima volta la vita degli artisti e degli emarginati e conosce la fidanzata di Yusuf, Roxy, cantante hip hop figlia di immigrati turchi in Germania, che non accoglie con entusiasmo l'arrivo dell'anziana signora. Con lo scorrere delle pagine si entra silenziosamente nelle vite e nei ricordi di tutti i personaggi e pian piano uscirà allo scoperto il filo che unisce i destini di tutti loro in un finale inaspettato ed emozionante.

Altri libri letti
  • La risata del barbaro di Sema Kaygusuz
  • La città dal mantello rosso di Asli Erdogan
  • Come la ferita di una spada di Ahmet Altan
  • Labirinto di Burhan Sönmez
  • Istanbul Istanbul di Burhan Sönmez
  • La casa di mio padre di Orhan Kemal
  • La Madonna col cappotto di pelliccia di Sabahattin Ali