Valeria Valenza

Voci dal verbo LEGGERE | qualche domanda su libri e letture a Valeria Valenza in occasione dell’inaugurazione della sua mostra ‘Regalo di Natale da Bologna’ alla Itabashi Bologna Picture Book Library di Tokio

Che ruolo hanno libri e lettura per te, qual è il tuo rapporto con la parola scritta e le immagini e con l’oggetto libro/pubblicazione?
I libri e la lettura sono un elemento fondamentale sia per la mia crescita lavorativa che per la mia formazione personale. la parola scritta e le immagini vivono in simbiosi, si bilanciano per trasformarsi in quell’oggetto che noi chiamiamo albo illustrato. un albo illustrato e’ un lavoro ben riuscito quando parole e immagini danzano insieme.

Quali sono i testi significativi nella tua formazione?
Sono cresciuta leggendo i grandi classici inglesi. Direi che la mia formazione visiva e’ nata con Mary Poppins, Il vento fra i salici, Il giardino segreto, Black beauty.

Biblioteche, archivi, librerie, rete: dove cerchi parole e immagini, volumi e riviste, fumetti utili per le tue ricerche?
Cerco un po’ ovunque ma prima di ogni lavoro sfoglio sempre i miei libri di storia dell’arte delle scuole superiori

Lettura come stimolo, approfondimento, per documentarsi, per distrarsi…? Tu come la pratichi?
Dipende dall’umore e dal tempo libero (o dal lavoro) il bello del nostro lavoro e’ che c’e’ sempre un buon motivo per cercare un libro da leggere.
Se inizio un nuovo progetto le letture sono di approfondimento. In quel caso leggo in studio o a casa. Se la lettura e’ una lettura di distrazione o stimolo cerco di farlo al parco, all’aria aperta.

Quali sono le letture che hanno contribuito al tuo percorso artistico e, nello specifico, al processo creativo per la produzione di questa mostra? Che rapporto hai con la parola scritta? Quali libri, riviste, fanzine, fumetti si accumulano sul tuo tavolo di lavoro?
Questa mostra vede protagoniste alcune illustrazioni di diversi miei libri che sono disponibili presso la biblioteca di Itabashi. Sono immagini nate dalla ricerca di progetti molto diversi fra loro; una piccola sezione e’ dedicata a ritratti di bambine. Sono frammenti di nuovi progetti ancora da ultimare, piccoli boccioli da far fiorire piano piano. Ecco, con la parola scritta ho un rapporto particolare,scrivo ma mi vergogno tantissimo di far leggere le mie cose. Sul mio tavolo da lavoro si accumulano libri d’arte, riviste di educazione all’immagine, albi illustrati. In questo periodo ho una serie di cataloghi di tessuti e tappeti iraniani.
 

Tieni dei libri, fumetti, riviste in casa? Se si, ci racconti brevemente come è o non è organizzata la tua libreria?
Divido i miei libri tra lo studio e la mia casa privata. i libri viaggiano insieme a me a seconda delle esigenze. La mia libreria non ha mai avuto divisioni nette tra albi, graphic novel o romanzi. I miei figli hanno sempre potuto trovare un Babalibri di fianco ad un Bompiani, Richard Scarry accanto a Umberto Eco e sfogliarli allo stesso modo.

Hai dei consigli di lettura da suggerire?
Ho appena finito di leggere La scrittrice abita qui di Sandra Petrignani, per Neri Pozza. 
L’ho trovata una lettura interessante, piena di spunti da approfondire, un bel libro domino, come dico io quando un libro apre una miriade di altri stimolanti cassetti.


Mercoledì 1 dicembre inaugura all’Itabashi Art Museum di Tokio, nella sezione Bologna Picture Book Library di Tokio la mostra Regalo di Natale da Bologna con le tavole originali disegnate da Valeria Valenza. 
Maggiori informazioni sulla mostra
Instagram | twitter | facebook


Valeria decide di diventare un’illustratrice all’età di 4 anni durante una festa di compleanno. Da quel momento non ha mai smesso di disegnare e inventare piccole storie.
Nel 2001 si trasferisce a Bologna dove vive tutt’ora insieme ai suoi 2 gatti, i suoi 2 figli e all’insostituibile marito a cui consegna liste della spesa illustrate!
È stata selezionata 3 volte nella sezione fiction della fiera di Bologna e i suoi libri vengono pubblicati e tradotti sia in Italia che all’estero.


Puoi trovare libri/letture segnalate da Valeria Valenza disponibili al prestito presso le biblioteche di Bologna, al prestito digitale su EmiLib/MedialibraryOnline e in vendita nelle librerie.

Nelle foto: le tavole di Valeria Valenza insieme ai libri della Itabashi Bologna Picture Book Library

image09.jpeg
image08.jpeg
image10.jpeg
image07.jpeg