Una minilibreria in via Lemonia

Sabato 27 marzo l’Associazione Equi-libristi ha allestito una minilibreria urbana in via Lemonia

Grazie alla proposta dell’Associazione Equi-libristi e alla collaborazione del Settore Ambiente e Verde e del Quartiere Borgo-Reno, da sabato 27 marzo in via Lemonia le possibilità di leggere aumentano. 

In via Lemonia 45 c’è un piccolo giardino su cui affacciano alcuni condomini e che spesso ospita le persone in attesa del loro turno al poliambulatorio poco distante. Nel giardino sono presenti quattro platani di oltre 60 anni; purtroppo uno di questi si è ammalato. Dalle indagini svolte dal Settore Ambiente e Verde del Comune di Bologna è risultato a rischio crollo, con conseguente predisposizione di abbattimento. 
L'ordine di abbattimento sull'albero è stato notato dall'Associazione Equi.libristi, che ha contattato l’Ufficio del Patto per la Lettura per valutarne un possibile riutilizzo.  

Da tempo l’associazione si occupa di recuperare libri dismessi, magari destinati al macero rimettendoli in circolazione in postazioni di prelievo gratuito di libri, le bookstation già presenti in diverse zone della città, dentro a esercizi commerciali e anche sui davanzali di finestre protette dai portici nel centro di Bologna.

Le loro postazioni non sono punti bookcrossing, ma librerie dove i libri sono a disposizione di tutt*, da prendere liberamente e gratuitamente, presidiate e controllate in modo da non lasciarle mai sguarnite. Per poter posizionare all’aperto dei punti di prelievo libri sono necessarie postazioni che li proteggano: da qui l’idea di adattare l'abbattimento del platano per la realizzazione di una minilibreria in grado di contenere circa 40 libri, utile a chi sosta nelle panchine del giardino e a chi è in fila al poliambulatorio. 

L’Associazione Equi-libristi ha partecipato fin dai primi incontri al percorso di avvio dell’ufficio del Patto per la Lettura con cui sono state portati avanti diversi progetti e due patti di collaborazione: Sfogliando libri in piscina e Bookstation nelle strutture di pronta accoglienza.

La triangolazione tra Patto per la Lettura, Settore Ambiente e Verde e Equi-libristi ha permesso di indicare alla ditta incaricata dell’abbattimento l’altezza esatta a cui eseguire l’intervento. 

I passaggi, le responsabilità e i compiti di ciascuno sono stati formalizzati in un patto di collaborazione senza onere finanziario: i costi di realizzazione della casetta sono stati sotenuti dall’azienda agricola ilkafrage; la sua installazione e i libri sono stati forniti gratuitamente da Equi-libristi. 

I libri provengono dalla Equi-libreria, uno spazio in via Curiel attualmente chiuso al pubblico per le limitazioni dovute alle norme anticontagio, ma il cui catalogo è possibile consultare online. 

La minilibreria è un progetto pilota da replicare in altre zone della città dove vengano previsti abbattimenti di alberi per motivi di sicurezza. 


Ne hanno parlato
Repubblica Bologna
Facebook Repubblica Bologna
Comune di Bologna: FacebookTwitter, Instagram
Zero Bologna 
Radio Città Fujiko


 

WhatsApp Image 2021-03-27 at 14.38.10 (1).jpeg
WhatsApp Image 2021-03-27 at 14.38.10 (3).jpeg